Fondazione Amici di Sissi: competenze a sostegno del Terzo Settore

Fondazione Amici di Sissi

Fondazione Amici di Sissi nasce da un gruppo di imprenditori e professionisti per dare supporto concreto a chi vive delicate situazioni sociali, creando nuove opportunità. Conoscenze e competenze maturate vengono messe a disposizione per sostenere realtà del Terzo Settore presenti nel lodigiano attraverso progetti di inclusione sociale e lavorativa.

Lo sviluppo

La Fondazione porta il nome di Sissi una giovane ragazza con disabilità intellettiva che fece maturare nei suoi genitori una decisione importante: realizzare iniziative di carattere sociale per aiutare coloro che vivono situazioni di fragilità. Questo desiderio spinse la famiglia di Sissi a concedere in comodato d’uso gratuito un immobile di loro proprietà con l’intento di realizzare una struttura nella quale la Fondazione avrebbe creato appartamenti da destinare a soggetti svantaggiati. I costi di ristrutturazione modificano l’idea di partenza ma non la sostanza. A San Fiorano Lo, un immobile comunale viene trasformato in una struttura di Residenzialità Leggera. Quattro appartamenti diventano residenze confortevoli prima per gli anziani, poi, in collaborazione con il Dipartimento di Salute Mentale di Lodi, per pazienti psichiatrici che superata la fase acuta della malattia si prestavano a percorsi di vita autonomi. Ed oggi sono a disposizione per chi deve affrontare crescenti difficoltà finanziarie.

I progetti

“Durante questi anni di attività il mondo è cambiato. Le risorse economiche sono sempre più in calo, abbiamo compreso che c’è sempre più necessità di creare reti forti e avviare progetti capaci di reggersi sulle proprie gambe” racconta Paolo presidente della Fondazione. Una ragione che ha spinto Fondazione Amici di Sissi ad avviare collaborazioni con il DSM di Lodi e di Piacenza realizzando diversi progetti di inserimento lavorativo, che tutt’ora garantiscono occupazione a numerosi giovani, svantaggiati e non. Sono diverse le cooperative sociali di tipo B nate dalla volontà di creare un futuro. Come la cooperativa I Perinelli, un progetto vitivinicolo che dal 2012 lavora insieme a persone con disabilità psichica per produrre e commercializzare vino. E come il marchio “180: a noi il cioccolato fa impazzire”.

La cooperativa sociale 180

“Non so dire cosa mi abbia ispirato ma sentivo che produrre cioccolato con un laboratorio artigianale fosse un’opportunità per i giovani in difficoltà…” e così è stato. Nel 2019 nasce il Laboratorio di produzione e commercializzazione del cioccolato che in poco tempo si trasforma in Cooperativa Sociale 180 ed inaugura il primo negozio a gennaio 2020. A Codogno. Nessuno poteva immaginare che da lì a un mese la vita di tutti sarebbe cambiata. Eppure, nonostante le difficoltà, il laboratorio non ha mai smesso di funzionare perché “siamo una squadra che si integra; il lavoro di uno porta beneficio anche all’altro e non possiamo fermare questo legame”. In fin dei conti se non ci fosse l’amore, un dolce sarebbe solo un dolce. Invece la cooperativa vive dell’animo di Filippo, responsabile amministrativo e commerciale e di Federica maestra cioccolatiere. Ma anche di una ragazza vittima di tratta e di Stefano, giovane con disabilità intellettiva. Loro sono il cuore artigianale della cooperativa.

“La cooperativa è diventata un’occasione di realizzazione personale. Quando guardo i ragazzi che prima di lavorare qui non avevano occupazione e noto il loro entusiasmo, la loro felicità che traspare anche nelle fatiche, sento che stiamo creando qualcosa di buono” ammette Paolo. Qualcosa che guarda oltre e ricerca nuove soluzioni per sviluppare i sogni dei suoi dipendenti. Dall’amore per l’altro alla poesia del gusto. Il cioccolato puro al 70-80%, al latte e fondente, si trasforma in barrette, cioccolatini, pralinerie e speciali prodotti affini.

Nella Cooperativa 180 il cioccolato diventa opportunità di riscatto, di speranza e di benessere. Quando si creano attività di impresa sociale “si aiuta a costruire nuovi percorsi, a far sentire le persone parte di qualcosa, a donare senso alla vita”.

Ti è piaciuta questa storia? Troverai interessante anche l’esperienza della cooperativa sociale L’Albero del Pane

FONDAZIONE CATTOLICA ASSICURAZIONI
Via Adua, 6 37121 Verona (Italia)
T. +39 045 80 83 211

fondazione.cattolica@cattolicaassicurazioni.it

Governance - Note legali - Statuto - Privacy e Cookie policy

©2021 Fondazione Cattolica Assicurazioni - Codice Fiscale 03568950236

Seguici sui Social: