Oltre le barriere della psichiatria

NumeroZero

Era una casa molto carina, senza soffitto e senza cucina…ma era bella bella davvero in via dei matti numero zero” cantava Matteo sotto la doccia. Senza saperlo lui, uomo che convive da tutta la vita con l’autismo, è diventato autore del nome di un ristorante speciale che si trova nel cuore di Perugia.

Il ristorante

“Numero Zero è molto più che un ristorante. È un luogo di incontro in cui si promuove una cultura della diversità intesa come patrimonio di inestimabile ricchezza” racconta Marco Casodi, vicepresidente dell’Associazione RealMente e Direttore generale della Fondazione La Città del Sole Onlus. “Qui puoi gustare piatti tradizionali, carni gustose e piatti rivisitati. Ma soprattutto qui puoi respirare socialità, musica, cinema, teatro e letteratura”. Il ristorante nasce nel 2019 dopo che Fondazione La Città del Sole in sinergia con l’Associazione Realmente inaugura in città un centro diurno per pazienti psichiatrici.

L’ex ospedale dei Pellegrini dispone di ampi spazi e giardino interno che lo rendono un posto perfetto per aprire le porte anche alla comunità. Ma il centro da solo non basta per aiutare la cittadinanza a guardare oltre la malattia. Gli operatori si chiedono cosa possiamo fare negli orari serali e durante i fine settimana per coinvolgere la città? La risposta arriva con Vittoria Ferdinandi. Lei, psicologa e filosofa, pone a Marco una domanda: “Ma tu vuoi davvero fare un centro psichiatrico e basta?”. Vittoria è un vulcano di energie e crede che ognuno debba fare la sua parte per favorire una società inclusiva offrendo concrete opportunità di lavoro, socialità e contatto. Tanto che il suo impegno le è stato riconosciuto dal Presidente della Repubblica con il titolo di Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica a dicembre 2020.

Il ristorante NumeroZero – luogo di incontro e cultura
Il giardino del ristorante NumeroZero

Dei 14 dipendenti oltre il 50% di Numero Zero è costituito da persone che soffrono di disturbi mentali. Sono affiancati da professionisti qualificati e dagli operatori del centro che amano il progetto e portano il loro contributo. “Durante la mia esperienza ho compreso che né il lavoro né la comunità da soli curano i nostri utenti. Ma i progetti personalizzati, pensati e riformulati, permettono di vedere dei miglioramenti nella malattia” racconta Marco che lavora in questo mondo da più di vent’anni. Numero Zero è infatti l’ultima iniziativa avviata in un percorso pluriennale che ha sempre puntato a creare nuove prospettive sociali.

Prima del ristorante

La Fondazione e i suoi progetti innovativi

Era il 1998 quando la Fondazione Città del Sole ha iniziato a sviluppare attività informative, formative, orientative e comunicative legate al mondo delle malattie psichiatriche. Intenzionata a trattare la psichiatria con progetti innovativi, la Fondazione diede avvio a P.R.I.S.M.A., un progetto sperimentale di autonomia abitativa in cui singoli pazienti psichiatrici condividono la residenzialità con coinquilini, in maggioranza studenti universitari. Con questa opportunità Marco incontrò l’autismo, superò il concetto di malattia grazie a Matteo e da allora ha iniziato a lavorare in questo mondo. La Fondazione inaugurò anche PerSo – Perugia Social Film Festival, il festival internazionale di cinema documentario che narra la disabilità psichica con nuovi linguaggi, per favorire il superamento della disabilità mentale.

Perso – rassegna cinematografica per una nuova cultura sulla differenza
Stazione Panzana – inclusione lavorativa e sociale pazienti psichiatrici

L’associazione

La capacità attrattiva e la forza economica del festival spinsero alla nascita dell’Associazione RealMente, l’ente dedicato a promuovere la cultura e la solidarietà sociale attraverso eventi, manifestazioni, sperimentazioni innovative e progettualità in collaborazione con molteplici realtà del Terzo settore. L’arte cinematografica e la comunicazione diventano due importanti elementi sui cui l’associazione investe. Nel 2018 viene fondata Stanzione Panzana, una stazione radiofonica che coinvolge nella redazione persone in carico ai Servizi di Salute Mentale. Con due programmi viene offerta la possibilità a persone con problemi psichiatrici di vivere esperienze professionali inclusive e virtuose, e inoltre favorisce la trasmissione di messaggi nuovi che combattono lo stigma sociale della malattia mentale. Oggi i servizi proposti dalla Fondazione e dall’associazione coinvolgono 19 pazienti, 20 dipendenti, 4 realtà in stretta interconnessione, 26 enti in rete, 4 rassegne, 50 film proiettati mediamente ogni anno, 2 trasmissioni radiofoniche e circa 15.000 beneficiari dei servizi proposti.

Oggi come sostenerli

Per contribuire allo sviluppo di una società capace di guardare oltre le apparenze e di accogliere anche chi vive con le sue difficoltà nella porta accanto, l’associazione promuove una campagna di crowdfunding finalizzata a mantenere e far crescere il ristorante inclusivo, il festival del cinema sociale, la radio e i percorsi di autonomia. Come conoscerli e sostenerli? Guardandoli!

FONDAZIONE CATTOLICA ASSICURAZIONI
Via Adua, 6 37121 Verona (Italia)
T. +39 045 80 83 211

fondazione.cattolica@cattolicaassicurazioni.it

Governance - Note legali - Statuto - Privacy e Cookie policy

©2021 Fondazione Cattolica Assicurazioni - Codice Fiscale 03568950236

Seguici sui Social: